FDL CHIEDE CHIAREZZA!

La situazione Covid è molto complessa, ma dobbiamo combatterlo con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione, consapevoli del fatto che è un nemico che si può battere, commenta Luca Vitale.

Ma il Governo ha l’obbligo di essere trasparente e di spiegare ai cittadini quale è la realtà, cosa che il governo non sta assolutamente facendo!

Per questo Fratelli d’Italia ha chiesto la convocazione dell’Aifa e dell’ISS in commissione Sanità al Senato, per chiarire la ragioni del divieto dell’utilizzo dell’idrossiclorochina e sullo stato di avanzamento del progetto per l’utilizzo del Plasma iperimmune, si attende dunque una risposta…. Per mettere fine ad una indecenza! Conclude Vitale

FDL DIFENDE LA LIBERTÀ D’ESPRESSIONE

luca_vitale

Fratelli d’Italia è scesa in piazza senza simboli di partito al fianco dei cittadini, delle famiglie e delle tante associazioni che hanno organizzato una grande manifestazione a Piazza del Popolo per difendere la libertà di espressione da un progetto di legge ideologico e liberticida.

Hanno avuto il coraggio di sfidare il pensiero unico dominante e dire chiaramente che il vero obiettivo del ddl Zan-Boldrini-Scalfarotto sull’omotransfobia non è combattere le discriminazioni, ma introdurre un nuovo reato d’opinione, commenta Luca Vitale.

Perché non c’è niente di civile e moderno nel definire “omofobo” chiunque dica no alla barbarie dell’utero in affitto o difenda il diritto di un bambino ad avere un padre e una madre.

Il nostro ordinamento tutela già oggi qualsiasi tipo di offesa alla persona a prescindere da quale che sia il suo orientamento sessuale e i dati ufficiali confermano che non c’è nessuna emergenza. Lo scopo di questa proposta è un altro: punire, mettere in carcere e rieducare chi non si allinea al mainstream.

Lo ha ribadito anche il presidente della CEI, il cardinal Bassetti: “La libertà di pensiero non può essere discriminata perché ritenuta discriminante”. È una battaglia di libertà e di democrazia e Fratelli d’Italia sarà sempre in prima linea per combatterla, conclude Vitale.

SERVE COMPETENZA E QUESTO GOVERNO NE È SPROVVISTO

luca_vitale

A quattro giorni dal varo dell’ultimo DPCM, si dice che ne stia per uscire un altro.

Nel quale non si escludono chiusure per alcuni settori del commercio.

Strano, commenta Luca Vitale, il Governo ha avuto mesi per prepararsi alla seconda ondata, ma non ha fatto NULLA per controllare i contagi provenienti dall’estero, gestire il trasporto pubblico e le scuole, sanificare città e luoghi pubblici.

Ora fa pagare la sua incompetenza a chi lavora e produce con chiusure e provvedimenti a casaccio. Siamo pronti a dare battaglia contro misure ingiuste e a fare le nostre proposte per mettere in sicurezza i cittadini senza devastare ingiustamente la nostra economia.

Servono serietà e competenza, vediamo solo confusione, approssimazione e dilettantismo. Così rischiamo il tracollo, conclude Luca Vitale.

IL GOVERNO STANZI DEI FONDI

L’insensata chiusura dei locali a mezzanotte è un durissimo colpo per migliaia di imprenditori italiani, molti dei quali dopo il lockdown avevano riaperto tra mille dubbi e incertezze, facendosi forza e investendo di nuovo sulla loro attività, commenta Luca Vitale.

Hanno speso soldi per adeguarsi a tutte le prescrizioni anticontagio volute dal Governo, molti si sono indebitati per ripartire, e ora rischiano di chiudere a causa di un provvedimento che vanifica tutti i loro sforzi. Lo Stato non può massacrare così un settore come quello della ristorazione e della somministrazione di bevande, che produce e crea ricchezza per migliaia di famiglie italiane.

Allora ora cosa urge fare?

Ora pretendiamo che il Governo stanzi dei fondi e introduca subito un meccanismo di ristoro per i danni che sta causando a migliaia di piccole e medie imprese, conclude Vitale.

IL GOVERNO FACCIA CHIAREZZA

luca_vitale_fdi

Il caos regna sovrano nelle decisioni del Governo sulle norme anti-Covid, commenta Luca Vitale.

Ieri il Ministero dell’Interno ha diramato una circolare per chiarire il confuso contenuto del decreto legge del governo sull’attività motoria e sportiva e dice: è vietato fare jogging senza mascherina.

Una decisione che ha scatenato il caos e poche ore dopo il Viminale è stato costretto a precisare la sua stessa circolare, che avrebbe dovuto chiarire cosa si può fare e cosa no secondo l’ultimo decreto di Conte.

È assurdo che il Governo non tenga conto del significato delle parole e continui a scrivere provvedimenti schizofrenici, che lasciano i cittadini nella più totale indeterminatezza e nell’arbitrio delle diverse interpretazioni delle norme.

Gli italiani non ne possono più di tutto questo e pretendono dall’Esecutivo solo un po’ di buon senso e informazioni chiare e precise, il Governo faccia capire agli italiani cosa devono e non devono fare in modo inequivocabile! conclude Vitale.

PENSIONI INVALIDI CIVILI

luca_vitale_fdi

Dopo molti mesi di battaglia parlamentare, il Governo e l’Inps hanno finalmente realizzato quello che Fratelli d’Italia aveva già chiesto con un emendamento approvato a Luglio nel DL Rilancio, commenta Luca Vitale.

L’Inps ha diramato la circolare applicativa e le pensioni degli invalidi civili totali verranno più che raddoppiate.

Un primo passo, dunque, per costruire uno stato più giusto che si occupa di chi ha veramente bisogno e delle persone più fragili ed è proprio in questa direzione che Fratelli d’Italia vuole andare, perché nessuno deve rimanere indietro, tutti devono avere gli stessi diritti, ci batteremo sempre per essere al fianco degli Italiani, conclude Vitale.

IL PARADOSSO DEL NOSTRO GOVERNO

Circa 65 ospiti del centro di accoglienza agrigentino al Villaggio Mosè, per lo più tunisini, hanno dato vita a una rivolta, lanciando contro le forze dell’ordine estintori, reti dei letti, parti di finestre mandate in frantumi, pietre e altri oggetti di ogni genere.

È divampato anche un incendio dopo che i migranti hanno dato fuoco ai materassi tentando di lanciarli addosso ai poliziotti. Alcuni sono riusciti ad allontanarsi dal centro dove erano sottoposti alla quarantena. Feriti 3 agenti del Reparto mobile di Palermo, spiega Luca Vitale.

Questo è il paradosso di un governo che da una parte annuncia di voler limitare le libertà degli italiani mentre dell’altra spalanca i porti a tutti e tollera questo e altro da chiunque arrivi nella nostra Nazione, conclude Vitale.

DI MAIO E LA SUA INADEGUATEZZA

Luigi Di Maio ringrazia affettuosamente su Twitter “l’amico e collega” ministro degli Esteri della Turchia.

E dimostra così tutta la sua inadeguatezza a rappresentare l’Italia a livello internazionale, commenta Luca Vitale.

Un vero ministro degli Esteri italiano mostrerebbe al mondo con quale fermezza l’Italia stia chiedendo conto alla Turchia della sua politica imperialista nel mediterraneo e in Libia, delle azioni ostili contro gli impianti ENI a nord di Cipro, dell’intervento militare contro i Curdi in Siria, delle minacce all’Armenia, del sostegno all’integralismo islamico, della conversione in moschea della Basilica di Santa Sofia di Istanbul.

Luigi Di Maio invece sorride e ringrazia il sultano Erdogan, conclude Luca Vitale.

PURA INCOMPETENZA?

luca_vitale_fdi

Il Governo revoca oggi, forse, le concessioni autostradali ai Benetton, commenta Luca Vitale.

Il Ponte Morandi è crollato il 14 agosto 2018, con molta calma, il 15 luglio 2020 Conte ha annunciato che il Governo aveva risolto la questione.

Fratelli d’Italia aveva detto che era pura propaganda perché non c’era nulla di scritto.

Purtroppo avevamo ragione anche questa volta.

Siamo al 29 settembre 2020 e non è stato fatto nulla, vedremo.

Ora Conte annuncia un nuovo ultimatum ai Benetton, altrimenti procede con la revoca delle concessioni.

Siamo tornati al punto di partenza di più di due anni fa.

Allora ci si chiede se si tratta di pura incompetenza oppure…… no, conclude Luca Vitale.

“UTERO IN AFFITTO” SCHIAVITÙ DEL TERZO MILLENNIO

luca_vitale_fdi

Inizia oggi in Commissione Giustizia alla Camera l’esame della proposta di legge di Fratelli d’Italia per rendere l’utero in affitto reato universale, ovvero punibile in Italia anche se commesso all’estero, commenta Luca Vitale.

Fratelli di Italia aveva presentato questa proposta già nel 2018, finora rimasta chiusa nei cassetti di Montecitorio ma, oggi, finalmente prende il via la sua discussione.

La maternità surrogata è la forma di schiavitù del terzo millennio, che umilia il corpo delle donne e trasforma i bambini in una merce.

Mi auguro che tutte le forze politiche, al di là degli schieramenti e delle posizioni, vogliano condividere con FDI questa battaglia di civiltà, conclude Luca Vitale.