L’ITALIA PRETENDA RISPETTO!

luca_vitale_fdi

È inaccettabile e grave che la Cina abbia sospeso l’ingresso nel suo territorio dei cittadini residenti in Italia in possesso di visti e permessi di soggiorno cinesi per motivo di lavoro, affari privati e ricongiungimenti familiari, commenta Luca Vitale.

Dopo aver scatenato una pandemia globale, aver infettato il mondo con un virus di cui ancora sono del tutto sconosciute le origini, essere responsabili della diffusione incontrollata dell’epidemia per aver fornito le notizie sul Covid e aver messo in ginocchio le economie di tutto il mondo, è scandaloso che il regime di Pechino si permetta di chiudere i confini con l’Italia.

Ed è altrettanto ignobile che mentre noi ci troviamo sull’orlo del baratro, ci sia chi lavori per regalare alla Cina il controllo delle nostre infrastrutture strategiche come i porti di Taranto e Brindisi.

Fratelli d’Italia, allora, chiede al Governo italiano di protestare formalmente e ufficialmente con la Cina per questa decisione e di bloccare immediatamente l’ingresso sul nostro territorio di tutti i cinesi e che l’Italia si attivi in ogni sede per fare in modo che la Cina paghi i danni causati all’economia globale dalla diffusione del virus.

Ora basta l’Italia pretenda rispetto, conclude Luca Vitale.

FRATELLI D’ITALIA DIFENDERA’ SEMPRE I LAVORATORI

luca_vitale_fdi

Conte domani si recherà in Aula, ed informerà il Parlamento di quello che già tutti gli italiani conoscono.

Al Parlamento è consentito votare su queste misure, e sulle proposte dell’opposizione? Ovviamente no. L’ennesima passerella di chi vorrebbe usare il Parlamento come un teatro per i suoi monologhi, commenta Luca Vitale.

Il Parlamento deve poter votare su ciascuna misura che viene presa in una fase delicata come questa. E sia chiaro che la responsabilità della situazione, visti i metodi, è UNICAMENTE DI GIUSEPPE CONTE E DEL SUO GOVERNO.

Anche per questo, Fratelli d’Italia ha iniziato proprio oggi un Presidio fisso vicino al Parlamento, in piazza Capranica, per rappresentare e dare voce a tutte le categorie colpite dagli insensati e dannosi decreti dell’Esecutivo giallorosso.

In Aula, come nelle piazze, Fratelli d’Italia difenderà tutti i lavoratori abbandonati dal governo, conclude Vitale.

FDL CHIEDE CHIAREZZA!

La situazione Covid è molto complessa, ma dobbiamo combatterlo con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione, consapevoli del fatto che è un nemico che si può battere, commenta Luca Vitale.

Ma il Governo ha l’obbligo di essere trasparente e di spiegare ai cittadini quale è la realtà, cosa che il governo non sta assolutamente facendo!

Per questo Fratelli d’Italia ha chiesto la convocazione dell’Aifa e dell’ISS in commissione Sanità al Senato, per chiarire la ragioni del divieto dell’utilizzo dell’idrossiclorochina e sullo stato di avanzamento del progetto per l’utilizzo del Plasma iperimmune, si attende dunque una risposta…. Per mettere fine ad una indecenza! Conclude Vitale

SERVE COMPETENZA E QUESTO GOVERNO NE È SPROVVISTO

luca_vitale

A quattro giorni dal varo dell’ultimo DPCM, si dice che ne stia per uscire un altro.

Nel quale non si escludono chiusure per alcuni settori del commercio.

Strano, commenta Luca Vitale, il Governo ha avuto mesi per prepararsi alla seconda ondata, ma non ha fatto NULLA per controllare i contagi provenienti dall’estero, gestire il trasporto pubblico e le scuole, sanificare città e luoghi pubblici.

Ora fa pagare la sua incompetenza a chi lavora e produce con chiusure e provvedimenti a casaccio. Siamo pronti a dare battaglia contro misure ingiuste e a fare le nostre proposte per mettere in sicurezza i cittadini senza devastare ingiustamente la nostra economia.

Servono serietà e competenza, vediamo solo confusione, approssimazione e dilettantismo. Così rischiamo il tracollo, conclude Luca Vitale.

IL GOVERNO FACCIA CHIAREZZA

luca_vitale_fdi

Il caos regna sovrano nelle decisioni del Governo sulle norme anti-Covid, commenta Luca Vitale.

Ieri il Ministero dell’Interno ha diramato una circolare per chiarire il confuso contenuto del decreto legge del governo sull’attività motoria e sportiva e dice: è vietato fare jogging senza mascherina.

Una decisione che ha scatenato il caos e poche ore dopo il Viminale è stato costretto a precisare la sua stessa circolare, che avrebbe dovuto chiarire cosa si può fare e cosa no secondo l’ultimo decreto di Conte.

È assurdo che il Governo non tenga conto del significato delle parole e continui a scrivere provvedimenti schizofrenici, che lasciano i cittadini nella più totale indeterminatezza e nell’arbitrio delle diverse interpretazioni delle norme.

Gli italiani non ne possono più di tutto questo e pretendono dall’Esecutivo solo un po’ di buon senso e informazioni chiare e precise, il Governo faccia capire agli italiani cosa devono e non devono fare in modo inequivocabile! conclude Vitale.

COVID-19 UN GOVERNO DI CHIACCHIERE

luca_vitale_fdi

Emergenza Covid. Dal Governo molte chiacchiere e pochi fatti concreti, commenta Luca Vitale.

Lo dicono i numeri: dall’inizio dell’emergenza il Governo ha emanato 22 decreti legge, che per sortire i loro effetti necessitavano di 252 decreti attuativi dei vari ministeri. Ebbene di questi 252 decreti attuativi ben 181 (il 71,8%) devono essere ancora adottati.

Governo di incompetenti fannulloni, manco con la crisi Covid si danno una mossa.

Il risultato è che dopo gli annunci e le sparate di Conte e del governo PD-M5S, gli italiani stanno ancora aspettando di vedere azioni concrete, le imprese sono in ginocchio, i negozi chiudono, sono in pericolo milioni di posti di lavoro.

Un governo che non aiuta gli italiani, anzi, li ha completamente abbandonato con risultati disastrosi, conclude Luca Vitale.

QUESTO GOVERNO GLI ITALIANI NON LO MERITANO!

La decisione, che avrà effetto almeno fino al 7 settembre è arrivata nel pomeriggio di ieri, domenica 16 agosto, quando i ministri di Sanità, Regioni e Sviluppo economico, Roberto Speranza, Francesco Boccia e Stefano Patuanelli, si sono uniti in videoconferenza con i governatori regionali per un vertice urgente, dopo il continuo aumento dei contagi.

Allora, se il governo ritiene opportuno chiudere le discoteche per fronteggiare l’emergenza, allo stesso modo deve chiudere con la massima urgenza i porti agli sbarchi illegali, commenta Luca Vitale.

Non si può continuare a ignorare il legame tra aumenti dei contagi e immigrazione clandestina mentre i nostri settori produttivi sono in ginocchio e le nostre aziende falliscono.

Questo governo scellerato gli italiani non lo meritano, conclude Vitale.