“UTERO IN AFFITTO” SCHIAVITÙ DEL TERZO MILLENNIO

luca_vitale_fdi

Inizia oggi in Commissione Giustizia alla Camera l’esame della proposta di legge di Fratelli d’Italia per rendere l’utero in affitto reato universale, ovvero punibile in Italia anche se commesso all’estero, commenta Luca Vitale.

Fratelli di Italia aveva presentato questa proposta già nel 2018, finora rimasta chiusa nei cassetti di Montecitorio ma, oggi, finalmente prende il via la sua discussione.

La maternità surrogata è la forma di schiavitù del terzo millennio, che umilia il corpo delle donne e trasforma i bambini in una merce.

Mi auguro che tutte le forze politiche, al di là degli schieramenti e delle posizioni, vogliano condividere con FDI questa battaglia di civiltà, conclude Luca Vitale.

GROSSETO: FDI E I PROPRI CANDIDATI

luca_vitale_fdi

“Le elezioni regionali sono un appuntamento storico per la Maremma e la Toscana e Fratelli d’Italia è pronta per questo appuntamento con la storia, commenta Luca Vitale.

Per FDI è una sfida molto importante, perché è la prima vera occasione per mandare a casa finalmente il Pd.

È proprio la scelta di appoggiare la candidatura di Susanna Ceccardi a governatore della nostra regione, stata secondo noi, continua Vitale, una scelta vincente e azzeccata. Sosteniamo con convinzione Susanna Ceccardi che può davvero rappresentare per la nostra coalizione, l’arma vincente per scardinare quel potere ramificato e stantio rappresentato dalla sinistra e dal candidato Eugenio Giani, camaleontico esponente del Pd”.

“Siamo noi di FDI, l’unico partito in forte crescita, ben strutturato e radicato nel nostro territorio provinciale, il vero partito alternativo alla sinistra: lo siamo in tutto, e lo siamo da sempre”.

“Da quando è nata Fratelli d’Italia, ed era il mese di dicembre 2012, ed ora questa è la nostra vera occasione per dimostrare di essere quella grande forza di governo che già da anni rappresentiamo nei territori. La nostra politica, fatta di coerenza, di ascolto dei cittadini e delle necessità dei territori, ci ha consentito di crescere pian piano in tutta la nostra provincia. Abbiamo nuovi circoli di FDI un pò ovunque in Maremma”.

Le attuali candidature provinciali, dunque, sono frutto di scelte ponderate e condivise con le varie realtà territoriali, dimostrano nei fatti il nostro radicamento sul territorio e la voglia di rappresentare tutte le zone della nostra Maremma, da nord a sud.

Allora conosciamo insieme i candidati.

Fabrizio Rossi, 45 anni di Grosseto, avvocato. Esercita la professione di avvocato con studio a Grosseto. Presidente provinciale di FDI sin dalla sua costituzione avvenuta nel dicembre 2012. Consigliere più votato alle amministrative del 2016 al comune di Grosseto. E’ stato nel 2019, per un anno, commissario straordinario di Fratelli d’Italia a Siena. Attualmente è assessore all’Urbanistica, Governo e pianificazione del territorio, edilizia privata, aree Peep, piani di miglioramento agricolo, Sport del comune di Grosseto.

• Guendalina Amati, 39 anni di Arcidosso, psicologa. E’ stata consigliere comunale di minoranza dal 2014 al 2019 e attualmente è capogruppo in consiglio comunale ad Arcidosso nella lista ‘Rinasci Arcidosso’ e consigliere comunale nell’Unione dei Comuni dell’Amiata Grossetana. Fa parte della Commissione pari opportunità dell’Unione dei Comuni e membro del comitato scientifico del Centro studi ‘Davide Lazzeretti’. Aderisce a Fratelli d’Italia nel 2014 e dal 2016 è coordinatore del circolo di FDI Arcidosso e Amiata. Ama gli animali ed è iscritta all’Oipa. Nel suo programma spiega che l’Amiata e la Maremma hanno bisogno di persone che credano nelle potenzialità di questa terra, c’è bisogno d’idee e di energie nuove che vengano profuse sempre e non solo sotto forma di slogan all’approssimarsi della tornata elettorale.

• Alessandra Mastri Flamini, 41 anni di Follonica, avvocato. Esercita la professione di avvocato con studio a Follonica. Fa parte di Confconsumatori, una delle associazioni nazionali che tutelano i diritti dei cittadini e dei consumatori italiani. Attualmente ricopre la carica di vice responsabile del dipartimento giustizia di FDI Toscana ed è vice coordinatore del circolo di Fratelli d’Italia Follonica. Nel suo programma si legge che ha deciso di candidarsi alle regionali per senso di responsabilità ed amore per la sua terra: la Toscana ed in particolare la maremma. La maremma ha più che mai bisogno dell’attenzione delle istituzioni regionali, attenzione che sino ad oggi è stata rivolta più ad altri territori probabilmente per la poca densità di popolazione, ma anche per tantissimi altri fattori. Dalla regione Toscana abbiamo sempre ricevuto briciole, ma adesso è il momento di cambiare marcia. Occorre valorizzare di più i nostri territori perché hanno molto da dare. La maremma deve essere valutata in un’ottica di insieme e non scollegata agli altri territori.

Ed infine Luca Minucci, 37 anni di Orbetello, imprenditore. Lavora sia nel comparto turistico alberghiero in una struttura ricettiva nel comune di Orbetello, sia in quello artigianale, avendo in società una gelateria a Porto Santo Stefano nel comune di Monte Argentario. Dal giugno 2016 è assessore all’Ambiente e ciclo rifiuti, Idroscalo presso il comune di Orbetello. Entra in Fratelli d’Italia sin dalla sua costituzione nel dicembre 2012. Ha deciso di candidarsi alle elezioni regionali, in quanto ritenie che il nostro territorio meriti maggiore rispetto e attenzione.

Un momento unico, importante dove possiamo davvero dare una svolta con “Fratelli d’Italia” l’unico partito capace di dare davvero ciò che la gente di aspetta, perché le nostre non sono solo promesse! Conclude Luca Vitale.

COVID-19 UN GOVERNO DI CHIACCHIERE

luca_vitale_fdi

Emergenza Covid. Dal Governo molte chiacchiere e pochi fatti concreti, commenta Luca Vitale.

Lo dicono i numeri: dall’inizio dell’emergenza il Governo ha emanato 22 decreti legge, che per sortire i loro effetti necessitavano di 252 decreti attuativi dei vari ministeri. Ebbene di questi 252 decreti attuativi ben 181 (il 71,8%) devono essere ancora adottati.

Governo di incompetenti fannulloni, manco con la crisi Covid si danno una mossa.

Il risultato è che dopo gli annunci e le sparate di Conte e del governo PD-M5S, gli italiani stanno ancora aspettando di vedere azioni concrete, le imprese sono in ginocchio, i negozi chiudono, sono in pericolo milioni di posti di lavoro.

Un governo che non aiuta gli italiani, anzi, li ha completamente abbandonato con risultati disastrosi, conclude Luca Vitale.

GOVERNO INCOMPETENTE!

Sabato è arrivata l’ennesima amara sorpresa per molti imprenditori italiani, per tutti quelli che come previsto dall’articolo 125 dell’ormai tristemente famoso “Decreto Rilancio” hanno presentato richiesta del credito d’imposta sulle spese per la sanificazione degli ambienti di lavoro e l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale a tutela dei propri dipendenti, spiega Luca Vitale.

Credito d’imposta che doveva essere pari al 60% della spesa sostenuta, ma visto che il Governo ha stanziato solo 200 milioni di euro (il resto dei 55 miliardi del decreto servivano per marchette e amenità varie) è stato ridotto d’imperio dall’Agenzia delle Entrate a solo il 9% della spesa sostenuta (ovvero al 15,6423% di quanto richiesto dalle imprese).

L’ennesima presa in giro per imprese, artigiani e professionisti da parte di questo Governo.

Una cosa simile era già accaduta con il bando “Impresa Sicura” (solito nome altisonante) del mese di maggio che ha visto le risorse destinate allo stesso fine della protezione dei lavoratori andate esaurite in un click day durato pochi decimi di secondo.

Evidentemente ci provano gusto. L’Italia che produce e lavora non merita questo governo incompetente, conclude Luca Vitale.

LO STATO NON CEDA, ALLE PRETESE DI BATTISTI

luca_vitale

Le parole di Cesare Battisti, sono semplicemente disgustose.

È ripugnante la spudoratezza con la quale un terrorista pluriomicida come lui, che per decenni ha vissuto nella totale impunità ed è sfuggito alla condanna inflitta dall’Italia, si definisca perseguitato e vittima di una vendetta di Stato.

È l’ennesimo e intollerabile affronto di Battisti alla giustizia italiana, alle Istituzioni, alle vittime e chi ha combattuto il terrorismo.

Lo Stato non ceda in alcun modo alle incredibili pretese di questo criminale.

GIORGIA MELONI IL 5 SETTEMBRE A GROSSETO

luca_vitale_fdi

Giorgia Meloni sarà a Grosseto il prossimo sabato 5 SETTEMBRE, in Piazza Dante alle ore 18.00.

Con orgoglio Luca Vitale annuncia l’evento che vedrà la leader di Fratelli d’Italia Meloni impegnata in un comizio, proprio, a sostegno dei candidati del listino provinciale grossetano di Fratelli d’Italia, Fabrizio Rossi, Luca Minucci, Guendalina Amati, Alessandra Mastri Flamini e della candidatura di Susanna Ceccardi a presidente della Toscana.

Saranno presenti, oltre che a Giorgia Meloni, e i candidati di FDI Grosseto, l’onorevole Giovanni Donzelli, il senatore Patrizio La Pietra, il coordinatore regionale di FDI e sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi, e il sindaco di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna.

Non si vota solo in Toscana, ma ben in altre cinque regioni e in oltre 900 comuni sparsi per tutta ITALIA, ma nonostante i molteplici impegni la Meloni sarà presente anche a Grosseto per un momento pregno di importanza, perché potrebbe vincere Ceccardi mandando a casa, finalmente, il PD, conclude Vitale.

RETE UNICA? IL GOVERNO VA IN UN’ALTRA DIREZIONE

luca_vitale

L’accordo raggiunto sulla rete unica sembra non andare affatto nel senso auspicato da Fratelli d’Italia: chiedevamo una rete indipendente e di proprietà pubblica, in cui gli operatori fossero messi tutti nelle stesse condizioni per offrire servizi competitivi ai cittadini, commenta Luca Vitale.

Al contrario ci ritroviamo una rete unificata sotto l’egida di Tim che in questa maniera acquisirà il controllo anche degli asset costruiti da Enel e CdP attraverso Open Fiber.
Si tratta di un progetto gigantesco che non sarà approvato dalle autorità regolatorie italiane e sarà bocciato dall’Europa.

Ma ancor più rilevante è il dubbio che tutto questo compulsivo gran da fare serva a frenare gli investimenti in fibra per non svalutare il valore della vecchia infrastruttura in rame. E così parlano di ritardo della fibra, promettono strade impervie per una rete moderna, ma in concreto finiremo per spendere i voucher per finanziare la vecchia infrastruttura in rame, rischiando di lasciare gli italiani nel medioevo digitale.

Il Governo Conte la smetta di lavorare col favore delle tenebre, venga in Parlamento a riferire su questo nuovo Britannia che sta rifilando agli italiani, conclude Luca Vitale.

QUESTO GOVERNO SA SOLO MENTIRE!

Comunque la barzelletta dell’estate sono il PD, commenta Luca Vitale (“l’unico virus è il razzismo”), Zingaretti (aperitivo a Milano), Conte (“siamo prontissimi e abbiamo fatto tutto il necessario”), Di Maio (milioni di mascherine mandate in Cina a febbraio), gli espertoni del Governo (le mascherine sono inutili e dannose), che ora attraverso i media di regime provano a far passare la menzogna che la destra è “negazionista”.

La sinistra è fatta così, da sempre: “mentire, mentire, mentire, qualcosa resterà”, conclude Vitale.

CASI COVID IN AUMENTO: IL GOVERNO HA SBAGLIATO STRATEGIA

luca_vitale

L’aumento dei contagi da Covid in Italia è dovuto soprattutto a persone che arrivano dall’estero: immigrati illegali o cittadini italiani o stranieri che arrivano o rientrano legalmente in Italia, commenta Luca Vitale.

E allora si sarebbe potuto fare qualcosa per impedire il diffondersi dell’epidemia proveniente dall’estero.

Innanzitutto bloccando l’immigrazione illegale di massa, invece di favorirla. In secondo luogo imponendo tampone e quarantena a chiunque arrivi in Italia, da qualsiasi parte del mondo provenga.

Pretendiamo di sapere con quale logica il governo usa misure draconiane in determinati contesti e si dimostra di manica molto larga in altri, perché a tutto c’è un limite, soprattutto quando sono in gioco vite umane e la sopravvivenza del nostro tessuto produttivo, conclude Vitale.

VIA SECONDA RATA IMU? CONOSCIAMO I BENEFICIARI

luca_vitale

Non solo alberghi. Via libera all’esenzione della seconda rata dell’Imu 2020 per cinema e teatri. Ma anche discoteche, night club e simili. I gestori devono però coincidere con i proprietari, commenta Luca Vitale.

Poi, per gli anni 2021 e 2022, esenzione totale per cinema e teatri e proroga a tutto il 2020 dell’esenzione da Tosap/Cosap delle imprese di pubblico servizio. A stabilirlo il decreto agosto.

Immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, locali e fluviali nonché immobili degli stabilimenti termali;

immobili della categoria catastale D/2 (alberghi e pensioni), immobili degli agriturismo, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case ed appartamenti pervacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i proprietari coincidano con i gestori;

immobili rientranti nella categoria catastale D in uso da parte di imprese esercenti attività di allestimenti di strutture espositive nell’ambito di eventi fieristici o manifestazioni;

immobili di categoria catastale D/3 destinati a spettacoli cinematografici e teatrali e le unità destinate a discoteche, sale da ballo, night-club e simili, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate, conclude Vitale.