IL GOVERNO HA DIMENTICATO LE MAMME LAVORATRICI!

luca_vitale_fdi

“Donne e mamme lavoratrici completamente abbandonate dall’inizio di questa emergenza, ma il governo e la sinistra passano il tempo a litigare per sostituire l’immagine (diffusa sempre grazie a loro) di una mamma che culla un bambino per pubblicizzare l’app immuni”.

Una situazione già critica-commenta Luca Vitale- che è ulteriormente peggiorata con l’emergenza Covid-19, specie per i 3 milioni di lavoratrici con almeno un figlio piccolo (con meno di 15 anni), infatti, all’interno dei nuclei familiari, le mamme continuano ad avere netta la sensazione che tutto “pesi sulle loro spalle”.

Sul fronte occupazionale, l’Italia rimane tra i paesi in Europa con il divario di genere più consistente, divario che all’indomani dell’emergenza Covid-19, rischia di diventare incolmabile.

Secondo l’Istat in particolare le madri occupate sono il 69,4% al Nord, il 65,1% al Centro e appena il 35,9% nel Mezzogiorno, poco più di una su tre. Spesso sono disoccupate o inattive, ma anche con tipi di contratti precari e a termine ed è per questo che, ben il 46% di loro non può usufruire dei congedi parentali, che il Decreto Rilancio ha destinato solo ai lavoratori dipendenti.

Dunque, un quadro che fotografa una situazione molto difficile per le mamme lavoratrici assolutamente non supportata dal governo… Questa non è l’Italia che vogliamo!

OGGI L’ITALIA RIPARTE TRA INCERTEZZE E MISTERI

Oggi, 18 maggio la quasi totalità delle attività produttive riparte , sarà sufficiente attenersi ai protocolli, altrimenti si in correrà in multe salatissime e sanzioni.

Solo che molti di questi protocolli sono stati resi noti all’ultimo minuto , o sono addirittura un mistero.

Intanto, nell’ultima conferenza stampa di Conte, tenutasi sabato 16 maggio, non è stata spesa una sola parola sulle centinaia di migliaia di persone che ancora aspettano la cassa integrazione o il bonus per gli autonomi, o sulle imprese in attesa di una liquidità che non è mai arrivata, afferma Luca Vitale.

L’Italia non merita questo!

Infatti, Fratelli d’Italia il prossimo 2 giugno darà vita a una grande mobilitazione, nel rispetto delle norme di sicurezza, per dare voce agli italiani stufi della propaganda, ora gli italiani meritano e pretendono risposte concrete!!!

SI RIPARTE… E… COMPRATE ITALIANO

Da oggi, Lunedì 4 maggio, parte in tutta Italia la tanto attesa Fase 2, una timida ripartenza di solo alcune attività, dopo il lockdown legato all’emergenza sanitaria Covid 19, che ha paralizzato l’economia Nazionale, oggi, dunque, si è chiamati alla sfida più importante, quella di far risalire «salire» i consumi.

Oggi, dobbiamo lottare per difendere la nostra Nazione- afferma Luca Vitale- che ha richiamato all’orgoglio nazional-patriottico anche in ambito di consumi.

Secondo Vitale, infatti, questa è l’occasione giusta per tornare a consumare prodotti Made in Italy, lasciando da parte quelli che vengono dall’estero.

«Noi italiani è come se avessimo sempre bisogno della tragedia per ricordarci del nostro valore e avere consapevolezza di chi siamo –ha dichiarato Vitale- lo si è potuto notare ogni giorno, c’è stata voglia di prendersi per mano, e ora , dunque, è il tempo di ricordarci di consumare i nostri prodotti italiani”

L’invito, dunque, è quello di abbandonare il “fascino” dei prodotti che provengono dall’ estero.

Dobbiamo utilizzare l’energia e la consapevolezza del nostro valore, della nostra forza e della nostra capacità di essere uniti nei momenti che contano».

Dobbiamo ancora una volta far venir fuori il “coraggio italiano”, aiutandoci, credendo nelle nostre potenzialità, allora, un appello rivolto a tutti: “compriamo prodotti italiani, mangiamo prodotti italiani, aiutiamo l’agricoltura italiana, aiutiamo i nostri produttori che rischiano di restare in ginocchio”.

IL GOVERNO ASCOLTI GLI ITALIANI!!!

luca_vitale

La crisi causata dall’emergenza sanitaria Covid-19 sta mettendo in grande difficoltà le aziende che purtroppo si trovano a far richiesta di denaro alle banche per esigenze di liquidità.

Dunque cerchiamo di analizzare la situazione-Le imprese che avranno necessità di accedere a importi superiori a 25 mila euro dovranno affrontare in banca gli ordinari esami di sostenibilità economico-finanziaria. Con il rischio oggettivo il che il prestito arrivi quando per l’azienda è ormai troppo tardi. Per questo è necessario che le che ci siano corsie privilegiate, dedicate proprio alle richieste legate al decreto Liquidità.

Inoltre, dichiara Luca Vitale, i prestiti dovrebbero essere in parte a fondo perduto, con la restituzione non certo in sei anni, perché i prestiti andranno a coprire i mancati ricavi provocati dal blocco delle attività produttive, in poche parole, le piccole imprese non possono restituire il prestito in così poco tempo, sarebbe insostenibile.

Allora, prestiti a fondo perduto, senza tassi esorbitanti e lungaggini burocratiche, così come stanno facendo alcuni stati vedesi Germania e stati uniti.

I soldi devono arrivare in tempi rapidissimi sottolinea Vitale.

Perché alla luce dei paletti messi dal governo, è assai probabile che la liquidità atteso dalle imprese non giungerà tanto rapidamente dale banche, su questo ne sono convinti anche i tributaristi.

Allora cosa chiediamo?

Chiediamo-conclude Luca Vitale-che il governo ci ascolti, urge difendere le aziende e i posti di lavoro, utile per il tessuto produttivo della nostra Nazione!

IN ARRIVO LA STANGATA DEL FISCO. UNA VERA FOLLIA

luca_vitale

Il 1° giugno 2020 è alle porte e giungeranno ai contribuenti gli sgraditi avvisi di accertamento e tutte le cartelle di pagamento in proroga.

Dunque, presto arriverà la stangata del fisco.

Nel decreto legge n. 18/2020, noto come “Cura Italia”, l’Agenzia delle Entrate ha provveduto a sospendere i versamenti di prossima scadenza.

Ricordiamo difatti che l’Autorità fiscale ha consentito ai contribuenti di differire i pagamenti con data limite fissata al 31 maggio prossimo che segna difatti la scadenza della sospensione di tutti i versamenti che il decreto “Cura Italia” ha concesso.

Quindi, il contribuente dovrà, entro il 30 giugno 2020, effettuare il pagamento delle cartelle fiscali.

Inoltre, nel rispetto delle norme di distanziamento gli atti di riscossione saranno depositati nella cassetta della posta senza assicurarsi della presa in carico dei documenti da parte del destinatario, come se fossero bollette normali.

Inevitabilmente-dichiara Luca Vitale- il mancato accertamento dell’effettiva consegna degli atti di notifica da parte del contribuente solleverà proteste, infatti, l’Agenzia delle Entrate ha il dovere di accertare l’avvenuta ricezione e presa visione degli atti da parte del destinatario-

Dal 1 giugno, dunque, l’Agenzia delle Entrate riprenderà la sua attività di accertamento e notificherà 8 milioni e mezzo di atti, una vera e proprio valanga che travolgerà famiglie e imprese.

Una situazione assurda, una situazione che va fermata – afferma Luca Vitale – il Governo deve necessariamente intervenire in tempi bravissimi con un provvedimento d’urgenza per bloccare questa FOLLIA. L’Italia non può aspettare!

“App immuni” ancora troppi dubbi

luca_vitale


“Un’app che dovrebbe aiutare a rintracciare individui potenzialmente infetti prima ancora che emergano sintomi”.Oltre alla prima funzione essenziale di tracciare i contatti, la app potrà essere molto utile per rafforzare la sanità digitale del nostro Paese”, con queste parole il Ministro Speranza ha spiegato l’applicazione scelta dal governo per il tracciamento del contagio del coronavirus in fase 2.Ma l’argomento in queste ore sta facendo molto discutere e sull’argomento scende in campo Luca Vitale di Fratelli d’Italia che solleva diversi dubbi:-Le domande che ci poniamo sono: “Chi gestirà i dati? Come viene garantita la privacy dei cittadini?-Una questione molto delicata in quanto tutti conosciamo le dinamiche dei dati personali, ed è bene che in un contesto come quello del Covid-19 i dati sensibili dei cittadini siano alquanto tutelati affinchè non entrino in nessun modo nelle disponibilità di società private, continua Luca Vitale. Dunque in linea con quanto espresso dalla Presidente di FDL Giorgia Meloni, Vitale auspica che il Governo su questo tema provveda subito ad avviare il confronto con il Parlamento”, proprio, perché un passaggio in Parlamento è d’obbligo.

FRATELLI D’ITALIA, UN PRIMO MAGGIO “ALTERNATIVO” A SUPPORTO DEI LAVORATORI

luca_vitale

Ieri, primo maggio, si è svolta la consueta Festa dei Lavoratori e Giorgia Meloni, per Fratelli d’Italia, ha avuto il coraggio di portare avanti una contro-manifestazione, che si è tenuta, con grande partecipazione popolare, a Jesolo. Non contro i lavoratori, ci mancherebbe altro, ma a favore di quelli troppo spesso dimenticati da sindacati e rappresentati politici: autonomi, partite iva, commercianti e agricoltori che sono stati lasciati da soli a fronte di una situazione economica sempre più precaria.

Per loro, Fratelli d’Italia chiede pari dignità, un unico sistema di ammortizzazione sociale e le stesse tutele per malattia, maternità e disoccupazione. Un appunto deve essere fatto anche per chi pensa di poter difendere i lavoratori dall’alto dei propri privilegi: stiamo parlando dei sindacati, che ancora oggi godono di un sistema pensionistico privilegiato. Non si può pensare di difendere gli impiegati se non ci si rende conto delle problematiche da essi affrontate, e proprio per questo Fratelli d’Italia ha sentito l’esigenza di una manifestazione alternativa, che desse voce ai milioni di lavoratori i cui interessi sono del tutto ignorati. A Roma sono stati organizzati, sempre nella giornata di ieri, dei gazebo all’interno dei quali era possibile assaggiare solo frutta italiana, per tutelare il made in Italy culinario e agricolo anche e soprattutto in Europa. Proprio queste tematiche saranno al centro della campagna elettorale in previsione delle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo e – stando agli ultimi sondaggi – i cittadini italiani sono soddisfatti del lavoro svolto da Giorgia Meloni a tutela degli interessi nazionali.

“Sono certo che anche a Grosseto si raccoglieranno i frutti di un impegno quotidiano” – dichiara Luca Vitale, esponente locale di Fratelli d’Italia – “gli italiani non sono soddisfatti di un governo ibrido che litiga su tutto: c’è bisogno di fare, di proposte e leggi che contribuiscano a migliorare il disastro lasciato dal centro-sinistra”.

ELEZIONI IN BASILICATA: ALTRO TRIONFO DEL CENTRO-DESTRA, OTTIMO IL RISULTATO DI FRATELLI D’ITALIA

luca_vitale_fdi

Si sono concluse le elezioni in Basilicata e ancora una volta ad uscire vittorioso dall’esito delle urne è stato il centro-destra. Non una novità rispetto ai risultati ottenuti nelle elezioni politiche del 2018 e nelle regionali di quest’anno.  Ad essere eletto presidente della regione lucana è Vito Bardi, la cui coalizione ha ottenuto il 42.2% dei voti, davanti al candidato di centro-sinistra Trerontola (33.1%) e ad Antonio Mattia per il M5S (20.3%).

Per la coalizione di centro-destra la parte del leone la fa la Lega, scelta da quasi il 20% dell’elettorato, ma importanti cambiamenti all’interno delle dinamiche dei partiti dell’area destrorsa sono stati registrati anche in queste consultazioni. Se è vero che Matteo Salvini conferma il momento di grazia, importante è il risultato raggiunto da Fratelli d’Italia, che ottiene quasi il 6% dei voti, aumentando i consensi rispetto ai risultati ottenuti su base regionale alle politiche dell’anno scorso. In alcuni centri, tra cui in particolare Matera, Fratelli d’Italia si è affermata come seconda forza politica del centro-destra, superando di gran lunga Forza Italia, la cui emorragia di voti appare quasi inarrestabile. Sempre a Matera, la distanza tra la Lega e il partito di Giorgia Meloni appare di molto ridotta: 12% per la Lega e ben il 7.5% per Fratelli d’Italia, che stacca di più di due punti percentuali il partito di Silvio Berlusconi.

“È un risultato che ci entusiasma” afferma Luca Vitale, esponente grossetano di Fratelli d’Italia: “L’impegno profuso dai candidati di FdI accanto ai cittadini lucani è stato ricompensato dagli elettori. Adesso è arrivato il momento di rimboccarsi le maniche per migliorare una regione che per anni è stata male-amministrata dalla sinistra. Sono sicuro che gli elettori riconosceranno l’impegno e l’attivismo di Giorgia Meloni anche alle prossime elezioni europee

DAL 1999 AD OGGI LA MONETA UNICA È COSTATA 73 MILA EURO PER OGNI ITALIANO

luca_vitale

L’introduzione della moneta unica ha fatto sì che alcuni paesi traessero molti benefici, altri – al contrario – sono stati penalizzati. È questo, in estrema sintesi, quanto emerge dallo studio “20 anni di Euro: vincitori e vinti” del Centre for European Policy di Friburgo. Così si scopre, anche se non era proprio una notizia inaspettata, che il paese che più ha beneficiato degli effetti dell’Euro è stata la Germania, che complessivamente nel periodo 1999-2017 ha avuto un impatto positivo di oltre mille miliardi nell’economia tedesca, per un totale col segno più di 23 mila euro per abitante. E l’introduzione dell’Euro è stato un bene pure per l’Olanda, anche se in misura minore rispetto alla Germania, con una somma positiva di “soli” 340 miliardi per il medesimo periodo considerato.

Germania e Olanda sono le uniche eccezioni in un contesto che vede perdere un po’ tutti, Francia compresa. Ma è l’Italia, secondo i ricercatori del CEP di Friburgo, il paese che ha subito le perdite più consistenti: un passivo di 4 mila miliardi di euro in vent’anni, per una perdita pro capite di 73 mila euro. Dallo studio emerge che in alcuni paesi, più degli altri, la moneta unica ha portato “a una minore crescita economica, a un aumento della disoccupazione e al calo delle entrate fiscali. La Grecia e l’Italia, in particolare, stanno attualmente attraversando gravi difficoltà a causa del fatto che non sono in grado di svalutare la propria valuta”. 

È pur vero che lo studio presentato dal CEP si basa su una serie di ipotesi, ovvero su come sarebbe andata l’economia delle singole nazioni se queste non avessero adottato l’euro. E in tal caso le variabili da considerare sarebbero molte e non tutte prevedibili. Non è irrilevante il fatto che paesi con economia simile a quella italiana, come la Spagna, sono sì stati penalizzati dalla moneta unica, ma in misura significativamente minore rispetto all’Italia e ciò sarebbe dovuto – stando allo stesso think tank di Friburgo – alle riforme che i governi iberici hanno effettuato dopo il 2008.

In conclusione, come più volte ribadito anche da Fratelli d’Italia, l’Euro ha danneggiato l’economia italiana, ma lo ha fatto anche con la complicità della politica tutta, che in questi anni non ha pensato di correre ai ripari e attuare quelle riforme essenziali per il paese. Se vi è ancora la possibilità di recuperare terreno rispetto ad un’economia globale che corre, abbiamo bisogno di politiche coraggiose, checché ne pensino i burocrati di Bruxelles.

Luca Vitale, Fratelli d’Italia-Grosseto.

ELEZIONI REGIONALI IN ABRUZZO, TRIONFO DELLA COALIZIONE DI CENTRO- DESTRA, FRATELLI D’ITALIA SEMPRE PIU’ APPREZZATO DAGLI ELETTORI

Buone notizie per la politica italiana. Alle elezioni regionali in Abruzzo la coalizione di centro- destra ha stravinto, ottenendo un ottimo risultato elettorale. Marco Marsilio, candidato della coalizione di destra, ha ottenuto il 48% dei voti, staccando di molto Legnini, di centro-sinistra e
Marcozzi, candidata pentastellata.

La Lega conferma il buon andamento attuale, ottenendo da sola il 27% delle preferenze, ma è da segnalare anche l’ottimo risultato di Fratelli d’Italia, col 6.5% di voti raccolti tra il popolo abruzzese. E Giorgia Meloni ha giustamente sottolineato come la giornata di ieri abbia un’importanza storica per il partito, la leader dimostra di essere molto gradita all’elettorato, ottenendo un peso politico sempre più consistente nel panorama politico della destra italiana.

Rispetto alle elezioni politiche del 2018, Fratelli d’Italia ottiene un punto e mezzo in più a livello percentuale, che tradotto in numeri significa migliaia di elettori in più, conquistati in una sola regione.
Quanto detto conferma che la maggioranza degli elettori italiani guarda con fiducia ad una coalizione di destra; già alle elezioni politiche del 2018 il segnale era arrivato forte e chiaro, e per un soffio non si è riusciti ad ottenere il premio alla coalizione.

È indubbio che gli elettori siano rimasti delusi dalle ricette proposte dal Movimento Cinque Stelle. Da parte nostra il progetto è chiaro: quota 100 per permettere un maggior ricambio generazionale nel mondo del lavoro e meno tasse per chi vuol fare impresa.

Luca Vitale, Fratelli d’Italia-Grosseto.