FRATELLI D’ITALIA CONTINUA LA SUA ASCESA

Fratelli d’Italia è il primo partito nel Paese, secondo l’ultimo sondaggio di Swg. La forza politica guidata da Giorgia Meloni si conferma sul primo gradino del podio anche questa settimana, seguita dal Partito democratico e dalla Lega.

Insomma, come si comporterebbero gli italiani se fossero chiamati oggi alle urne?

Secondo un’indagine condotta con tecnica mista CATI-CAMI-CAWI su un campione di 1200 soggetti maggiorenni residenti in Italia, Fratelli d’Italia è il primo partito al 22,6%, in crescita rispetto a lunedì scorso di 0,5 punti percentuali. Aumenta così la distanza dal Partito democratico i cui consensi risultano in calo: i dem passano dal 21,6% al 21% in soli sette giorni, una discesa di oltre mezzo punto percentuale. A seguire, la terza forza politica nel Paese risulta essere la Lega: il partito di Matteo Salvini scende infatti al 15,6%, rispetto al 15,8% di una settimana fa.

Fratelli d’Italia sta vivendo una crescita inarrestabile. I motivi? Semplice:

  • incarniamo perfettamente gli ideali in cui buona parte degli italiani crede;
  • vogliamo ridare agli italiani un buon motivo per credere nella politica italiana, perché una buona politica può rivoluzionare un Paese. Fratelli d’Italia si impegnerà per cambiare il modo in cui viene fatta politica in Italia e per cambiare in positivo la vita degli italiani!

#sondaggi #crescita #centrodestra #consenso #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratelliditalia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici #governo #lavoro #emergenza #fare #burocrazia #cittadini #dovere #sicurezza #virus #vita #fare #imprese #proposte #casa #lavoratori #famiglia #imprenditori #nazione #rilancio #insieme #vincere

LA MACCHINA DELLA RISCOSSIONE FISCALE SI ABBATTE SULLE CASE

luca_vitale

La pandemia ha aumentato le disuguaglianze a livello internazionale tra i diversi Paesi, i quali si ritrovano potentemente appesantiti dall’emergenza Covid. La proposta del Fondo Monetario internazionale consisterebbe nell’aumentare le tasse a chi possiede di più, puntando anche sui beni di proprietà, tra cui la casa.

Secondo le stime globali, nel 2020 vi è stato un aumento di 95 milioni di persone in estrema povertà rispetto alle stime del periodo precedente al Covid-19. Ed è proprio da questi dati che emerge la suddetta necessità di aumentare il gettito fiscale per finanziare ulteriori e future spese sociali. La soluzione sarebbe aumentare le tasse al fine di fornire nel breve periodo i fondi necessari per gestire future emergenze e per finanziare il comparto sanitario e dell’istruzione.

Di quali nuove tasse stiamo parlando?

Il Fondo Monetario Internazionale propone la tassazione sulla casa e sulla successione, aumentando anche la base imponibile ed eventuali interventi sulla progressività e sui redditi più elevati. A questo si aggiunge anche l’eliminazione delle aree di reddito da capitali che evitano la tassazione. Il tutto al fine di promuovere politiche redistributive.

Ma le sorprese non terminano qui: ad oggi è pronto anche una bozza di un decreto-legge che probabilmente introdurrà delle novità riguardo alla proprietà privata. Parliamo della nuova IMU suddivisa in ben 7 tipologie: abitazione principale, fabbricati rurali strumentali, immobili merce, capannoni, terreni agricoli, aree fabbricabili e altri immobili. L’obiettivo sarebbe quello di semplificare le aliquote comunali, dando il via al modello precompilato (atteso da decenni quasi ma mai reso concreto) e “ingabbiare” l’imposta municipale in un elenco predefinito.

Alla fine della fiera, se servono fondi aggiuntivi verranno colti dalle tasse sui beni di proprietà come la casa. Che questo sia corretto o meno è a discrezione di chi dovrà pagare un’ulteriore maggiorazione fiscale, perché nonostante la pandemia sia in piena evoluzione non importa chi tu sia e se la tua azienda sia al collasso, la macchina della riscossione è sempre in moto!

Guarda anche il video qui

#pandemia #emergenza #covid #fondomonetariointernazionale #tasse #casa #povertà #aumentare #tasse #emergenze #successione #decretolegge #proprietàprivata #imu #aliquotecomunali #benidiproprietà #proprietà #macchinadellariscossione #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratellid’italia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto

SALVIAMO LA NOSTRA CARA ITALIA!

luca_vitale_fdi

Ben sappiamo che l’emergenza sanitaria ha avuto un impatto diretto sulla crisi da Covid-19. Lo stato di salute di diversi settori è veramente critico e vi sono innumerevoli comparti che sono completamente in ginocchio. Ci basti pensare che il totale delle ore di cassa integrazione registrate nel mese di aprile segna una crescita del 3.716% rispetto al mese precedente, per poi rimanere costante a circa 1.213% negli altri mesi dell’anno, rispetto al periodo maggio-novembre 2019. In più, per quanto riguarda l’occupazione, circa mezzo milione di lavoratori ha perso il proprio lavoro, nonostante lo stop dei licenziamenti indetto dal governo.

Uno dei dati più preoccupanti riguarda anche la situazione delle famiglie: le richieste di crediti sono in netto rialzo a partire dal mese di marzo, soprattutto per prestiti finalizzati, carte, prestiti personali e mutui. Il tutto indica una forte sofferenza dei nostri cittadini, a fronte di ristori mancati e misure economiche risultate inefficienti. Anche il commercio registra una forte contrazione: si stima che le importazioni siano calate del 4,76% dai Paesi in Europa e del 12,33% dai Paesi extra-europei. Per quanto riguarda le esportazioni, inoltre, si calcola un ribasso del 5,54% dai Paesi Europei, e del 9,64% dai paesi extra-europei.

La situazione è seria. Non si può più rimanere a guardare il collasso del nostro Paese. Queste cifre sono una tragedia per l’intera popolazione e una pessima pagella per qualsiasi governo. Bisogna agire! Servono misure efficaci che includano ristori utili alle nostre imprese per salvarle dal tracollo. Le famiglie hanno un disperato bisogno di sostegno economico! Il che non si traduce con lo sfornare un bonus diverso ogni mese, ma significa migliorare le condizioni di vita del cittadino e tutelare le loro imprese. Bisogna dare il via a un colossale piano di investimenti che possa portare benessere e lavoro per tutti, restituendoci finalmente un futuro a cui ritornare, dopo questo periodo buio di questa pandemia.

#emergenzasanitaria #comparti #cassaintegrazione #occupazione #lavoro #governo #famiglie #cittadini #ristori #importazioni #esportazioni #sostegnoeconomico #benessere #lavoro #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratellid’italia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici

SI RIPARTE… E… COMPRATE ITALIANO

Da oggi, Lunedì 4 maggio, parte in tutta Italia la tanto attesa Fase 2, una timida ripartenza di solo alcune attività, dopo il lockdown legato all’emergenza sanitaria Covid 19, che ha paralizzato l’economia Nazionale, oggi, dunque, si è chiamati alla sfida più importante, quella di far risalire «salire» i consumi.

Oggi, dobbiamo lottare per difendere la nostra Nazione- afferma Luca Vitale- che ha richiamato all’orgoglio nazional-patriottico anche in ambito di consumi.

Secondo Vitale, infatti, questa è l’occasione giusta per tornare a consumare prodotti Made in Italy, lasciando da parte quelli che vengono dall’estero.

«Noi italiani è come se avessimo sempre bisogno della tragedia per ricordarci del nostro valore e avere consapevolezza di chi siamo –ha dichiarato Vitale- lo si è potuto notare ogni giorno, c’è stata voglia di prendersi per mano, e ora , dunque, è il tempo di ricordarci di consumare i nostri prodotti italiani”

L’invito, dunque, è quello di abbandonare il “fascino” dei prodotti che provengono dall’ estero.

Dobbiamo utilizzare l’energia e la consapevolezza del nostro valore, della nostra forza e della nostra capacità di essere uniti nei momenti che contano».

Dobbiamo ancora una volta far venir fuori il “coraggio italiano”, aiutandoci, credendo nelle nostre potenzialità, allora, un appello rivolto a tutti: “compriamo prodotti italiani, mangiamo prodotti italiani, aiutiamo l’agricoltura italiana, aiutiamo i nostri produttori che rischiano di restare in ginocchio”.