IL BILANCIO DEL 2021: COME CI ASPETTIAMO IL 2022?

All’inizio dell’anno passato ci hanno fatto credere che l’Italia (il Paese con più vaccinati al mondo) avrebbe ripreso in mano le redini della libertà, prevalendo sul virus che oramai è diventato compagno di vita da ben 2 anni. Da due anni vediamo il susseguirsi dello stesso interminabile episodio che non ha mai un lieto fine.

È iniziato l’anno del Dante Alighieri, passando dal paese di Conte a quello di Draghi, e non è una favola, fidatevi.

Abbiamo visto, anzi sentito, la voce urlante dei giovani, del turismo e dei lavoratori, dei ristoratori e di tanti comparti. Tante facce sociali ed economiche completamente abbandonate dalle nostre istituzioni.

Abbiamo concluso l’anno con il discorso del Presidente della Repubblica che ha ringraziato per i sette anni passati dicendo: “L’Italia crescerà. E lo farà quanto più avrà coscienza del comune destino del nostro popolo, e dei popoli europei.” Un messaggio ridondante che abbiamo sentito fin troppe volte, ma che non si è mai realizzato.

Siamo davanti a un altro anno pieno di sorprese, dal quale non sappiamo se aspettarci belle sorprese o i classici regali come i calzini antiscivolo regalati dalla zia che non vedi mai.

Il 2022 sarà un anno di ripresa? Questo è tutto da vedere, ma le opinioni degli esperti differiscono sotto diversi punti di vista e il tutto fa ricadere il popolo italiano nell’incertezza e nello sconcerto. Non abbiamo chiaro come reagirà la nostra economia al balzo dei contagi e sicuramente la produzione risentirà delle continue restrizioni e lockdown fiduciari. Ci aspettiamo che quest’anno il governo si rimbocchi le maniche per ribaltare la situazione e riportare l’Italia allo splendore che merita.

Partiamo in quarta e portiamo risultati concreti per l’Italia e gli italiani!

Buon Anno da Fratelli d’Italia

Guarda le altre notizie su: www.lucavitalefratelliditalia.it

Iscriviti, guarda e condividi i video sul canale YouTube LUCAVITALEFRATELLIDITALIA

#economia #covid #italiani #presidente #repubblica #comparti #sociali #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratelliditalia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici

Auguri di Buon Anno 2022

Con questo video, facciamo a tutti i migliori Auguri di Buon Anno

#giorgiameloni #fratelliditaliaan #fratelliditalia #lucavitale

#senato #cameradeideputati #parlamentari #fdigrosseto #lucavitalepergrosseto #lucavitalefratelliditalia #politici #politico #italia #politics #politicaitaliana #primagliitaliani #roma #italy #instagram #politica #political #politicaspublicas #politicas #politicans #politicaromana #politicapropositiva #politicat #politicaitaliana #giorgiameloni #fratelliditaliaan #fratelliditalia

#lucavitale #senato #cameradeideputati #parlamentari #fdigrosseto #lucavitalepergrosseto #lucavitalefratelliditalia

AUGURI DI BUON NATALE

Sappiamo bene che questo non sarà un Natale come tutti gli altri, un po’ come lo è stato l’anno scorso d’altronde. Molte famiglie italiane, da due anni a questa parte, stanno facendo un’infinità di sacrifici e si sa che i sacrifici si faranno ben sentire durante le feste.

La povertà dilaga, l’inflazione non smette di salire e le tasche degli italiani sembrano bucate. Nessuno si merita un Natale di sofferenza, soprattutto quando si dovrebbe celebrare la nascita e l’inizio di una nuova vita. Questo è proprio quello che vorrebbe portare a termine Fratelli d’Italia: girare la pagina della pandemia e della crisi, per dare inizio al nuovo capitolo dell’Italia, quello che la renderà un’eccellenza mondiale!

Per questo il nostro partito continuerà senza fine a lottare per la giustizia e la tutela dei nostri concittadini! Il nostro fine sarà sempre quello di attuare un programma politico che si basi sulla sovranità popolare, la democrazia, la libertà, l’equità fiscale e il rispetto dell’indipendenza e dell’unità nazionale.

Nella speranza di poter offrire presto a tutti voi una fetta di panettone e festeggiare insieme l’epilogo di questa crisi.

Fratelli d’Italia vi augura buone feste, a voi e a tutti i vostri cari. Nella speranza di un anno migliore.

#natale #feste #famiglieitaliane #italia #concittadini #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratelliditalia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici

IL NATALE DELLA CRISI DELLA RISTORAZIONE

L’emergenza sanitaria Covid e le regole del supergreenpass preoccupano esercenti e clienti. La Fipe Confcommercio stima che il prossimo 25 dicembre nei ristoranti (il 64,1% resterà aperto, oltre 76.000) sono attesi 500mila clienti in meno. In totale, gli italiani che passeranno il Natale fuori casa saranno 4,4 milioni.

Un dato, quello del Natale 2021, sul quale pesa ancora la situazione di incertezza determinata dall’incidenza della pandemia e dall’aumento dei contagi. Secondo Ansa, “ad alimentare le incognite, si aggiungono da un lato il peggioramento dell’emergenza sanitaria, dall’altro il nuovo super green pass. Il 48,1% dei ristoratori intervistati prevede un impatto significativo del provvedimento sul totale delle prenotazioni, mentre il 12,4% preferisce non lanciarsi in alcuna ipotesi per il momento”. 

Nel frattempo, cominciano ad arrivare le prime disdette.

Secondo lo studio di Fipe-Confcommercio, il settore della ristorazione nel mese di dicembre vale da solo il 10% del fatturato all’anno e anche nel 2021 saremo molto lontani dai livelli pre-Covid. Secondo le previsioni, per questo mese è di 7,1 miliardi di euro, a fronte degli 8,8 miliardi del 2019. Una flessione del 19,4% sul quale pesa sicuramente la contrazione dei flussi turistici internazionali e le nuove restrizioni del governo.

Ancora un altro Natale dominato dall’incertezza e dalla crisi. Sembra che l’epilogo di tutta questa storia non arrivi mai e che si continui ad ignorare la seria difficoltà di questi imprenditori e di tutti gli operatori della ristorazione. Ma quando apriremo gli occhi e tuteleremo le loro tasche? Neanche a Natale siamo più caritatevoli nei confronti degli italiani!

Guarda le altre notizie su: www.lucavitalefratelliditalia.it

Iscriviti, guarda e condividi i video sul canale YouTube LUCAVITALEFRATELLIDITALIA

#natale #confcommercio #ansa #ristorante #compartoristorazione #covid #greenpass #crisi #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratelliditalia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici

GREEN PASS E DAD PER IL RIENTRO A SCUOLA DOPO LE VACANZE? ASSURDO!

Siamo agli sgoccioli per stabilire le nuove misure per contrastare il contagio durante queste vacanze natalizie. Si comincia già a fare ipotesi su quello che accadrà alle scuole dopo le vacanze.

Secondo l’esecutivo, le scuole potrebbero non riaprire dopo l’Epifania e magari si potrebbe concedere un ulteriore tempo di vacanze per fronteggiare un eventuale peggioramento del quadro epidemiologico determinato dalla nuova variante Omicron. Si sta pensando, allora, di far slittare il ritorno in classe in presenza.

Giovedì si riunirà la cabina di regia presieduta dal premier Mario Draghi: il governo valuta così una stretta per fine anno, e proprio quella potrebbe essere l’occasione per discutere di un’ipotetica estensione delle vacanze scolastiche. Quindi ancora una volta si tornerebbe in dad… assurdo

Purtroppo, le novità non sono finite qui: negli ultimi giorni si è parlato dell’idea di estendere il green pass anche agli studenti. La richiesta avanzata da alcuni sindaci è quella di munire del certificato verde anche gli alunni di scuole elementari, medie e superiori.

Quindi sta per tornare l’incubo della didattica a distanza?

Forse sì, peccato che sia la stessa Associazione Nazionale Presidi a dichiarare che i dati delle scuole non sono ufficiali. Sicuramente istituire il green pass per gli studenti è off limits! Se il green pass è una follia per gli adulti, figuriamoci per i ragazzi!

Ricordiamo che vaccinarsi è una scelta non un obbligo! Così come il diritto di istruzione non deve essere messo in discussione per questo motivo! Perché dobbiamo continuare con questa assurdità? Agiamo con gradualità e non con l’istituzione di riforme fuori da ogni schema!

Facciamo una forte prevenzione, misure di sicurezza importanti, trasporti efficienti e distanziamenti veri, tamponi e test gratuiti anche domiciliari; questa la vera ricetta che unita alla vaccinazione può ridurre sensibilmente se non eliminare definitivamente questo tremendo virus;

Guarda le altre notizie su: www.lucavitalefratelliditalia.it

Iscriviti, guarda e condividi i video sul canale YouTube LUCAVITALEFRATELLIDITALIA

#pandemia #covid #restrizioni #scuole #istruzione #classe #dad #didatticaadistanza #vaccino #greenpass #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratelliditalia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici

PERSECUZIONE FISCALE E STATO DI EMERGENZA VANNO A BRACCETTO

Pochi giorni fa, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato un decreto-legge che prevede “la proroga dello stato di emergenza nazionale e delle misure per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 fino al 31 marzo 2022”. 

Alla luce delle nuove restrizioni che stanno per essere introdotte, è necessario fare alcune riflessioni. Lo stato d’emergenza è ancora in vigore, ma quando gli italiani pagano, non c’è mai. Gli italiani continuano ad essere perseguitati dal punto di vista fiscale nonostante lo stato d’emergenza!

Il Consiglio dei Ministri ha confermato ieri: nessun sollievo a quei cittadini che non sono riusciti ad adempiere al loro dovere fiscale. I debiti vanno ripagati e le scadenze rispettate. Un caso che riguarda milioni di italiani, ma che viene volutamente affossato dalla stampa.

Perché i cittadini onesti e in buona fede dovrebbero continuare a patire di questa situazione? Italiani che non fatturano e che sono in crisi da due anni continuano a pagare tasse su tasse. Il colmo è che ci troviamo da due anni in stato di emergenza!

Quello che bisogna chiedersi è qual è l’obiettivo di questo esecutivo? Consideriamo che la povertà e il costo della vita sono aumentati in modo spropositato nell’ultimo periodo. Qui pare non ci sia nessuno che tuteli le tasche degli italiani e con tutta questa persecuzione fiscale si rischia il collasso delle imprese! Cerchiamo di essere coerenti. Si vuole estendere ancora una volta lo stato di emergenza? Allora bisogna intervenire sul fisco! Così non si può andare avanti!

Guarda le altre notizie su: www.lucavitalefratelliditalia.it

Iscriviti, guarda e condividi i video sul canale YouTube LUCAVITALEFRATELLIDITALIA

#fisco #tasse #statodiemergenza #covid #consigliodeiministri #scadenze #esecutivo #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratelliditalia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici

L’AFFOSSAMENTO DEL PIL: DOVE E’ FINITA LA RIPARTENZA?


Crescita del Pil italiano confermata al 6,2% quest’anno, e ridimensionata al 4% (dal 4,4% indicato lo scorso luglio) per il 2022.
Le cause? Sicuramente il ritorno del rialzo dei contagi e le conseguenti tensioni nelle catene di fornitura globali che ovviamente stanno pesando nel trimestre in corso e impatteranno anche sui primi mesi del prossimo anno. Per non parlare poi delle politiche sbagliate messe in atto dall’esecutivo!
Queste stime provengono da Banca d’Italia secondo il report di dicembre. Si prospetta, tuttavia, un miglioramento dello scenario del 2023, con la crescita al 2,5% dal precedente 2,3%, e 1,7% nel 2024.
Si prevede poi un balzo dell’inflazione nel 2022, con le nuove stime che indicano un +2,8% contro l’1,3% indicato solo sei mesi fa. Per l’anno in corso le nuove previsioni passano dall’1,5% all’1,9%, per il 2023 e 2024 è previsto un rallentamento a 1,5 e 1,7% rispettivamente. E ancora una volta la crescita italiana sta rallentando! Tuttavia, secondo quanto riporta Bankitalia la crescita economica in Italia, dopo l’attuale fase di rallentamento, tornerebbe ad essere “sostenuta a partire dalla prossima primavera, in concomitanza con il miglioramento del quadro sanitario, e recupererebbe i livelli precedenti lo scoppio della pandemia entro la metà del 2022”.
La ripresa massiva di tutto il sistema economico dopo le riaperture ha dato i suoi frutti, ma pare che stiamo per buttare tutto all’aria. Dobbiamo fare molto di più! Dobbiamo pensare agli italiani e all’economia, mettendo in atto un’iniziativa massiva! Siamo di fronte a una politica che sembra voler decostruire ogni cosa: anche la tanto sudata ripartenza.

È per questa ragione che servono i patrioti come Fratelli d’Italia qualcuno che ridia l’immagine economica e produttiva che la nostra Italia merita!

Guarda le altre notizie su: www.lucavitalefratelliditalia.it

Iscriviti, guarda e condividi i video sul canale YouTube LUCAVITALEFRATELLIDITALIA


#ripresa #iniziativa #massiva #inflazione #pil #contagi #mercato #forniture #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratelliditalia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici

IL PASS SUPER DISORGANIZZATO

In Italia è scoppiata la febbre del green pass: da quello standard al super. Senza il certificato verde non si potrà più circolare e ne saranno colpiti buona parte degli esercenti e servizi: dai mezzi pubblici, alle palestre, cinema, ristoranti e hotel. Il piano del Viminale è quello di istituire squadre per controllare il certificato, composte da addetti del trasporto pubblico e forze dell’ordine. I problemi però, sono alla fonte ed è più che evidente quanto lo Stato sia disorganizzato.

Prima di tutto, l’app governativa non è aggiornata e attualmente non crea differenza fra possessori di green pass da vaccino e quelli da tampone. Alcuni addetti al controllo non sono operativi, in quanto non sanno ancora cosa fare.

I problemi ulteriori riguardano sia l’organico delle forze dell’ordine, sia le troppe regole ancora non chiare e di varia natura. La disorganizzazione, forse, risiede in una mancata comunicazione con il Viminale. Per farvi un esempio, i capotreni lombardi si trovano spaesati, dato che non hanno ancora ben chiaro il loro ruolo. Il prefetto di Milano parla di una collaborazione tra forze dell’ordine e gli operatori che posseggono i giusti requisiti giusti e, allo stesso tempo, richiede la sospensione dei controlli a bordo visto il peggioramento della situazione del Covid. Capite la poca chiarezza di questa situazione?

La confusione non è finita, perché anche i ristoratori si lamentano del mancato aggiornamento dell’app che va a verificare il green pass. Ma allora chi può o non può entrare nei ristoranti?

Questa confusione non è plausibile in un momento così delicato. I cittadini e i lavoratori hanno bisogno di risposte e di regole comprensibili. Prima di emanare nuove leggi e istituire nuove norme bisogna informare in modo chiaro coloro che le dovranno far rispettare le normative e coloro cui ne avranno a che fare nella vita quotidiana. Questo è quello che qualsiasi governo dovrebbe fare!

Guarda le altre notizie su: www.lucavitalefratelliditalia.it

Iscriviti, guarda e condividi i video sul canale YouTube LUCAVITALEFRATELLIDITALIA

#greenpass #ristoratori #governo #stato #regole #disorganizzato #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratelliditalia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici

LA RIVOLUZIONE DEL FISCO, MA SCAPITO DI CHI?

Il Fisco è pronto con una nuova indagine nel 2022, incentrata sui vari bonus e agevolazioni introdotte dalle leggi di Bilancio.

L’obiettivo è quello di contrastare l’evasione fiscale. Giusto? Certamente!

Ma a quale prezzo? Contro quali riforme si punterà il dito?

Per Fratelli d’Italia la prevenzione e la chiarezza di certe norme diventa basilare; prevenire è meglio che lavorare dopo, nel recupero, che diventa certamente più difficoltoso, quando addirittura a volte impossibile!

Nel mirino ci sono gli incentivi sulla casa per le quali sono previste cessioni di credito o sconti sulla fattura. Da quanto viene riportato dal “SOLE24 ORE”, l’Agenzia delle Entrate ha individuato 800 milioni di crediti inesistenti quindi 19.3 miliardi di euro in scambi di cui 6,5 miliardi per cessioni e sconti connessi al Superbonus 110% e i restanti 12,7 per gli altri incentivi edilizi.

Queste verifiche sono state attuate da un apposito decreto governo. I controlli interesseranno maggiormente i “listini prezzi”, in quanto è stato dimostrato che le fatture venivano gonfiate, facendo affidamento sul fatto che il contribuente non effettuava controlli particolari e accurati sul conto.

Oltre ai bonus edilizi, il Fisco controllerà anche coloro che percepiscono il famoso Reddito di Cittadinanza. Il contributo verrà sospeso anche nel caso in cui il beneficiario si rifiuti di partecipare a colloqui o attività lavorative qualsiasi. Forse l’unico lato positivo di questa riforma è il dare un taglio a questa assurdità!

Un altro settore preso di mira sarà quello degli Hotel, B&B e affitti brevi. La lotta all’evasione fiscale sarà combattuta attraverso un codice che riporterà i dati della struttura ricettiva al fine di controllare i movimenti degli enti creditori oltre a dimostrare la regolarità nei confronti del Fisco.

I controlli avverranno anche per verificare il pagamento della tassa di soggiorno nei confronti del Comune di appartenenza.

A quale prezzo avverrà la nuova riforma fiscale?

Di nuovo a scapito dei cittadini onesti che pagano regolarmente le tasse?

La priorità, per Fratelli d’Italia è combattere gli evasori fiscali alla radice ed eliminare tutte quelle potenziali riforme che uccidono il nostro sistema economico!

Guarda le altre notizie su: www.lucavitalefratelliditalia.it

Iscriviti, guarda e condividi i video sul canale YouTube LUCAVITALEFRATELLIDITALIA

#fisco #fiscalità #controlli #evasionefiscale #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratelliditalia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici

LA TRANSIZIONE GREEN è LA SVOLTA DELLA NOSTRA ECONOMIA

La domanda di green e il digitale sta aumentando ed entro il 2025 sono previsti tra i 2,2 e 2,4 milioni di nuovi posti. La transizione energetica è una rivoluzione anche a livello lavorativo che raccoglie anche piccole realtà. La green economy sarà la svolta nel sistema produttivo italiano che vedrà una crescita già in questo ultimo trimestre.
La proiezione del fabbisogno occupazionale andrà a interessare il 70% degli occupati, che saranno circa tra i 2,2 e i 2,4 lavoratori che avranno competenze “verdi” ovvero dei requisiti specifici nel vasto mondo dell’ecologico.
Tra i profili dei lavoratori appaiono anche gli ingegneri ecologici, bio-architetti, addetti commerciali per la promozione di nuovi materiali sostenibili etc; Ma non stiamo parlando solo di edilizia e riqualificazione abitativa. Le abilità digitali interesseranno le professioni emergenti come i scientist o i big data analyst, e aumenteranno le richieste di cyber security e professionisti affini, grazie all’incremento costante dell’utilizzo dei sistemi di cloud.
A livello digitale la domanda aumenterà esponenzialmente entro il 2025 in quanto, nei piani di ripresa e resilienza, per lo specifico nei capitoli dell’innovazioni, viene messo da conto l’investimento di 70 miliardi circa, con obiettivo la “Next Generation” e la promozione dell’approccio green incoraggiando verso questi due nuovi mondi.
Questa rivoluzione porterà di certo benefici alla nostra occupazione e in termini di capacità dei lavoratori. Dovremmo puntare sulla continua crescita a livello di orientamento e di competenze personali. Questo green work potrà cambiare la concezione di lavoro e assicurerà la crescita del personale delle nostre aziende offrendo un ampio spazio ai giovani. L’industrializzazione 4.0 è la via giusta!

Fratelli d’Italia è per gli Italiani e per una nazione forte che si basa sul lavoro, sull’innovazione!

Guarda le altre notizie su: www.lucavitalefratelliditalia.it
Iscriviti, guarda e condividi i video sul canale YouTube LUCAVITALEFRATELLIDITALIA

economia #greeneconomy #economiaverde #occupazione #sistemaproduttivo #produzione #competenze #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratelliditalia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici