ALLARME PER LA STAGIONE ESTIVA: IL COPRIFUOCO E’ UNA MINACCIA

La stagione estiva è sempre più vicina e tra le preoccupazioni di coloro che stanno pianificando le prossime le vacanze rientra sicuramente il coprifuoco. Secondo un’indagine commissionata dal sito Facile.it, quasi 4 milioni gli italiani non hanno ancora stabilito se andare in ferie. La decisione è rimandata al giorno in cui il governo annuncerà finalmente se la misura verrà o no abolita. E prima o poi, dopo infiniti rinvii, questo giorno arriverà!

I risultati mostrano quanto il coprifuoco rappresenti un ostacolo al turismo. Secondo i dati, il 40,8% degli intervistati ha risposto che non ha intenzione di partire per le vacanze se ci saranno limitazioni di orario, mentresolo il 29,3% del settore femminile è preoccupato del coprifuoco, al contrario del settore maschile che pare essere più scoraggiato. Analizzando i dati, invece, in base alla collocazione geografica, il problema del coprifuoco frena maggiormente la popolazione delle regioni a Nord-Ovest, con il 43,1%, seguita dalle regioni a Nord-Est, con il 37,9%. Insomma, la situazione non pare essere delle migliori e non vogliamo di certo replicare le cifre economiche dell’anno scorso: nel 2020 si è stimata una perdita totale intorno ai 240 milioni di euro giornalieri per il settore del turismo.

Ma le assurdità riguardanti il coprifuoco non sono finite qui: giovedì sera durante un match degli Internazionali di tennis a Roma, in cui gli spettatori erano distanziati e con mascherina, sono stati cacciati dallo stadio alle 21.30. Anche lo sport subisce questa misura insensata, al pari di ristoranti, bar e di tutte le attività che lavorano la sera. Sono situazioni ridicole! Allora non dobbiamo stupirci se i dati peggiorano di giorno in giorno e i cittadini si rifiutano di andare a cena fuori o andare a vedere un match sportivo!

Il settore del turismo, insieme a molti altri comparti produttivi ed economici, risentono moltissimo degli effetti della pandemia e il loro futuro dipende dalle disposizioni che stabilirà il governo. La stagione estiva subirà la stessa sorte, sia a livello nazionale sia a livello internazionale. Siamo nella speranza che l’esecutivo capisca che il virus non colpisce a fasce orarie, ma che la giusta soluzione è la convivenza con il virus. Basta infliggere ingiuste pene su base arbitraria!

Sostienimi, condividi e visita www.lucavitalefratelliditalia.it

#stagioneestiva #estate #vacanze #coprifuoco #italiani #governo #misura #risultati #economia #perdita #settore #turismo #sport #cittadini #matchsportivo #pandemia #livellonazionale #livellointernazionale #virus #convivenza #compartiproduttivi #compartieconomici #lavoratori #paese #giorgiameloni #fratelliditalia #fratelliditaliagrosseto #italia #lucavitale #lucavitalecoordinamentocomunalegrosseto #lucavitalefratelliditalia #lucavitaleparlamento #lucavitalepergrosseto #ristorieconomici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *